Cosa Facciamo
Slide fotografica
CondividiFacebookTwitterGoogle+LinkedInemail
Home » Cosa Facciamo » Progetti » Progetto Marchio di Qualità del Parco Regionale Sirente Velino

Ricettività

Faq

1. Qual è il campo di applicazione del Marchio del Parco per la ricettività?

Per poter richiedere il Marchio del Parco, le strutture ricettive:

  • devono offrire il servizio di ricettività turistica conforme alla definizione di seguito specificata
  • devono ricadere all'interno del territorio del Parco.

Per "servizio di ricettività turistica" si intende l'erogazione a pagamento del servizio di pernottamento in strutture ricettive dotate di stanze adeguatamente attrezzate con almeno un letto, offerto come attività principale a turisti, viaggiatori e ospiti. Il servizio di pernottamento può comprendere l'erogazione di servizi di ristorazione, attività di fitness e/o spazi verdi.

Possono quindi richiedere il Marchio le seguenti tipologie ricettive: Alberghi, Agriturismi, B&B, Villaggi turistici, Pensioni, Campeggi, Ostelli della gioventù, Case per ferie, Rifugi di montagna, Case ed appartamenti per vacanze, Affittacamere
che ricadono all'interno del Parco Regionale Sirente Velino.


2. Chi può richiedere il Marchio?

Il proprietario di una struttura ricettiva, o il suo direttore, può richiedere il Marchio del Parco.


3. Come fare per ottenere il rilascio del Marchio?

Il richiedente deve seguire tre step, da espletare ciascuno in momenti distinti:

Primo step
Inoltrare la PDF Richiesta di concessione d'uso del Marchio del Parco (18Kb) a: "Parco Naturale Regionale Sirente Velino - Ufficio Promozione e Turismo, viale XXIV Maggio - 67048 Rocca di Mezzo (AQ)".

Secondo step
Attendere di ricevere dal Parco, in seguito alla ricezione della richiesta di concessione d'uso, una comunicazione ufficiale con la quale si trasmettono:

  • il regolamento generale per la concessione d'uso della denominazione dell'emblema del Parco Regionale Sirente Velino ai prodotti e servizi locali
  • il regolamento di settore per il servizio di ricettività turistica
  • il disciplinare di gestione per il servizio di ricettività turistica

Il Parco provvederà a comunicare contestualmente il nome del Responsabile del Procedimento.

Terzo step
Una volta ricevuta la documentazione dall'Ente, il richiedente deve verificare autonomamente la conformità del proprio servizio di ricettività turistica ai criteri specifici del Marchio e, nel caso di esito positivo, dare conferma di adesione al Marchio mediante l'inoltro di:

Il Parco, ricevuta la documentazione provvede a:
1. verificare la documentazione presentata e, nel caso, chiedere al richiedente ulteriori informazioni;
2. trasmettere gli atti all'Organismo di Controllo che esamina a sua volta la documentazione e si assicura che le richieste avanzate siano soddisfatte;
3. autorizzare l'Organismo di Controllo ad effettuare una visita ispettiva presso la struttura ricettiva per verificare la conformità del servizio di ricettività turistica ai criteri e che la richiesta e il fascicolo siano conformi con le procedure per la valutazione della conformità. L'Organismo di Controllo formula i verbali che provvede a consegnare al Parco.

Se la domanda di assegnazione ha esito positivo, il Parco, entro 150 giorni dal ricevimento della documentazione, assegna la licenza per l'uso del marchio per un periodo pari a 3 anni e stipula con il beneficiario apposita convenzione (Allegato 7 del regolamento di settore).


4. Quali sono le condizioni di base per avere il Marchio del Parco?

In primo luogo, il richiedente deve rispettare la legislazione relativa al servizio offerto e la legislazione relativa ai permessi di costruzione, alle normative locali, alle norme igienico-sanitarie. A tal fine, compila e sottoscrive un'auto-dichiarazione.

In secondo luogo, il richiedente deve:

  • rispettare 29 PDF Criteri obbligatori (25Kb) (laddove applicabili)
  • definire un Piano di sviluppo che preveda il rispetto nell'arco di tre anni di ulteriori criteri, i così detti PDF Criteri facoltativi (31Kb) da scegliere all'interno di una rosa di 49 criteri, per raggiungere un punteggio minimo di seguito specificato (si veda la domanda n° 10).

5. Come fare per dimostrare la conformità ai criteri?

Per dimostrare la conformità ai criteri è sufficiente un'auto-valutazione certificata. In pratica, per ogni criterio, il richiedente deve preparare apposita documentazione scritta utilizzando I Moduli di Verifica. Si tratta di autocertificazioni o dichiarazioni di produttori e altro personale professionale qualificato responsabile del mantenimento e della manutenzione dell'apparecchiatura oggetto dei criteri.


6. A cosa servono i criteri da rispettare per avere il Marchio del Parco?

I criteri per il Marchio del Parco per il servizio di ricettività turistica sono stati sviluppati in conformità con l'Ecolabel comunitario (Decisione della Commissione del 14 aprile 2003 (2003/287/CE)).
I criteri mirano in particolare a:

  • Ridurre il consumo di energia da fonti energetiche fossili
  • Ridurre il consumo di acqua trattata chimicamente e delle sostanze chimiche contenute nei detersivi e disinfettanti
  • Ridurre la produzione di rifiuti
  • Ridurre le inefficienze e gli sprechi ambientali
  • Contribuire al rispetto e alla qualità dell'ambiente
  • Contribuire alla valorizzazione delle tipicità locali
  • Migliorare la propria competitività
  • Soddisfare le aspettative dei clienti sensibili all'ambiente
  • Essere parte del "progetto del Parco"

7. I criteri obbligatori devono essere tutti soddisfatti?

Non necessariamente. I criteri obbligatori devono essere soddisfatti solo se applicabili. Le condizioni per l'applicabilità sono specificate per ogni criterio nel Disciplinare di gestione. La documentazione attestante la non applicabilità dei criteri è richiesta come quella attestante la conformità.


8. A cosa serve il Piano di sviluppo?

La filosofia del Marchio del Parco è quella del miglioramento continuo, ovvero di una tensione continua verso la sostenibilità e il miglioramento costante delle proprie prestazioni ambientali. Il Piano di sviluppo serve a programmare le azioni che nell'arco del triennio il richiedente ritiene ragionevolmente di poter realizzare al fine di conseguire un reale miglioramento delle prestazioni ambientali rispetto alla situazione di partenza. L'ottenimento del Marchio del Parco non deve essere inteso come un traguardo, bensì come l'inizio di un percorso di crescita verso la sostenibilità e la qualità ambientale.


9. Come fare a definire un Piano di sviluppo?

Il richiedente ha a disposizione una rosa di 49 criteri facoltativi. Per la scelta dei criteri da rispettare nell'arco dei tre anni, bisogna tener conto delle seguenti condizioni:

  • scegliere quelli che il richiedente ritiene di poter ragionevolmente soddisfare nel corso dei tre anni
  • scegliere i criteri che permettono di raggiungere il punteggio minimo richiesto.

Il raggiungimento di quest'ultimo punteggio è condizione necessaria per avere il rinnovo del Marchio del Parco.


10. Quindi i criteri facoltativi hanno un punteggio?

Ai criteri facoltativi è stato assegnato un punteggio da 1 a 3 per ciascun criterio in base alla efficacia ambientale, alla fattibilità tecnico/economica e alla visibilità rispetto al consumatore.

Punteggio richiesto

  • Entro il Primo anno di Concessione: Devono essere soddisfatti tanti criteri di questa sezione tale da raggiungere un punteggio minimo di 5 punti (i punti di ciascun criterio sono indicati nel titolo del criterio) .
  • Entro il Secondo anno di Concessione: Devono essere soddisfatti tanti criteri di questa sezione tale da raggiungere un punteggio minimo di ulteriori 5 punti.
  • Al termine dei tre anni di Concessione: Devono essere soddisfatti tanti criteri di questa sezione tale da raggiungere un punteggio minimo di ulteriori 6,5 punti in modo tale da aver raggiunto un punteggio complessivo finale di 16,5 punti.

Il punteggio totale richiesto deve essere incrementato di 1 punto per ciascuno dei tre servizi supplementari indicati di seguito e offerti nell'ambito della gestione o della proprietà del servizio di ricettività turistica: servizi di ristorazione, attività di fitness e spazi verdi.

Il servizio di ristorazione comprende il servizio di prima colazione.
Le attività di fitness includono saune, piscine e altre strutture analoghe che si trovino nel perimetro della struttura ricettiva.
Gli spazi verdi comprendono parchi e giardini accessibili agli ospiti.
Le verifiche di sorveglianza effettuate successivamente all'ottenimento del Marchio del Parco hanno l'obiettivo di verificare l'attuazione del Piano di sviluppo secondo le condizioni indicate dal richiedente. Quindi, indicativamente, al termine del primo anno di concessione, l'Organismo di Controllo potrà effettuare un controllo ispettivo presso la struttura ricettiva per verificare il raggiungimento da parte del beneficiario di un punteggio pari a 5.


11. Nel caso di struttura ricettiva nel quale è svolta attività di ristorazione, il Marchio si estende in automatico anche alle attività ristorative?

No. Nel caso di strutture nelle quali vengono svolte sia attività turistico-ricettive sia di ristorazione, la concessione del marchio del Parco viene rilasciata separatamente per le due attività. In tal caso, gli erogatori di servizi devono inderogabilmente rispettare i criteri previsti per entrambi i regolamenti. Per chi ha già ottenuto il marchio per la ricettività, la conformità ad una buona parte dei criteri previsti per il settore ristorativo è assicurata automaticamente.


12. I controlli sono effettuati anche dopo il rilascio del Marchio?

Oltre alla verifica ispettiva preliminare, il Parco può autorizzare l'Organismo di Controllo ad effettuare indagini di sorveglianza successive all'ottenimento del Marchio nel corso dei 3 anni di validità. A questo scopo l'organismo competente può richiedere ulteriore documentazione o potrà svolgere audit, presso la struttura ricettiva in orari ragionevoli, con o senza preavviso.


13. Quali costi occorre sostenere per avere il Marchio del Parco?

Per i primi 3 anni di concessione, l'uso dell'emblema del Parco è concesso a titolo gratuito. Gli unici costi che il richiedente potrebbe essere chiamato a sostenere sono relativi ad un eventuale adeguamento della struttura ricettiva ai criteri previsti. Successivamente, il Parco può prevedere il pagamento di un contributo che sarà destinato alle iniziative di tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale, dell'educazione ambientale, ecc.


14. Qual è la durata della concessione?

E' pari a 3 anni dalla stipula della convenzione, rinnovabile dietro specifica richiesta scritta.


15. Quali vantaggi porta il Marchio?

Oltre a benefici di tipo ambientale ed economico, il Marchio del Parco è anche strumento di marketing. L'Ente si impegnerà a promuovere adeguatamente le strutture certificate nei materiali promozionali e sul sito ufficiale www.parcosirentevelino.it e sul portale nazionale dei parchi italiani www.parks.it/sirente.velino, dove potranno fruire di una promozione più incisiva e avranno a disposizione uno spazio maggiore per foto e descrizione della struttura. Inoltre, potranno beneficiare di un canale preferenziale in occasione di eventi ed iniziative che saranno organizzati dall'Ente.


16. Come deve essere utilizzato il logo del Parco?

In seguito all'ottenimento della concessione d'uso del Marchio del Parco e solo dopo comunicazione scritta da parte dell'Ente Parco, la struttura certificata è tenuta ad utilizzare il logo in tutte le proprie comunicazioni: brochure, depliant, carta intestata, sito internet. In caso di riproduzione del certificato o del Marchio di Qualità del Parco non rientranti nelle casistiche descritte, la struttura certificata deve contattare l'Ente Parco per avere l'eventuale autorizzazione scritta. Il logo essere esposto a cura dell'aderente all'esterno dell'esercizio. La riproduzione del Logo è ammessa purché non ne vengano alterate le proporzioni e la leggibilità dei contenuti. La dimensione minima del logo, capace di garantire una sufficiente ed accettabile leggibilità, è di circa 2 cm. di lato. Dimensioni inferiori sono possibili ma preferibilmente stampando in tipografia con opportuna risoluzione (300-600 dpi).
Per gli usi comuni quali depliant, biglietti da visita, carta intestata, ecc... si consiglia di utilizzare dimensioni comprese tra i 2 ed i 4 cm. di lato.


17. Il marchio può essere ritirato?

Il Parco può sospendere il diritto dell'uso del marchio qualora il richiedente abbia violato i termini contrattuali.


18. A chi rivolgersi per informazioni o per avere la documentazione necessaria?

A Valeria Del Giudice, Ufficio Promozione e Turismo del Parco, ai seguenti riferimenti: Tel. 0862/916632 - E-mail: promozione@sirentevelino.it


(foto di PR Sirente Velino)
Flora
(foto di Archivio Parco Sirente Velino)
Flora
(foto di PR Sirente Velino)
Valle d'Arano
(foto di PR Sirente Velino)
Zafferano DOP dell'Aquila
(foto di PR Sirente Velino)