Ente
Slide fotografica
CondividiFacebookTwitterGoogle+LinkedInemail
Home » Ente

Cronistoria del Parco

Ripercorriamo le tappe essenziali del lungo e faticoso cammino che ha portato all'istituzione del Parco Regionale Sirente Velino:

  • 1967 - Prime proposte per la realizzazione di un Parco Naturale nella zona del Sirente, sostenute dal periodico "L'Altopiano" edito a Rocca di Mezzo.
  • 1969 - Il Piano di sviluppo del Comprensorio dell'Altopiano delle Rocche proposto dalla Cassa per il Mezzogiorno, prevede una Riserva Naturale nella zona del Velino(Valli di Majelana e Teve per 2.200 ha), un Parco Regionale del Sirente di 18.500 ha ed una zona di salvaguardia per i Piani di Pezza.
  • 1970 - Il Ministero dell'Agricoltura e Foreste istituisce il Parco Naturale del sirente di circa 2.000 ha
  • 1971
    • Agosto - Festa della Montagna ai piani del Sirente durante la quale il Ministro Natali propone l'istituzione del parco Regionale del sirente oltre a quelli del Gran Sasso e della Majella.
    • Novembre - Convegno a Rocca di Mezzo su "Ecologia e difesa del paesaggio" nel quale viene ribadita con forza la necessità di istituire un Parco Regionale del Sirente.
  • 1972 - Decreto del Ministero dell'Agricoltura e Foreste con il quale viene istituita un'"Oasi di protezione e rifugio della fauna stanziale e migratoria in località Sirente" che interessa 12 Comuni e si estende per 16.000 ha.
    Decreto del Ministero della Pubblica Istruzione con il quale vengono dichiarate di "notevole interesse pubblico" vaste zone dell'Altopiano delle Rocche.
    La Società Botanica italiana individua i biotopi del Piano di Ovindoli (ha 550), del Piano di Campo felice (ha 1.700) e del sirente (ha 2.560)
  • 1973 - Nel Disegno di legge quadro nazionale sui parchi il Sirente è proposto come Parco Regionale.
  • 1974 - Le Associazioni Ambientaliste rilanciano la istituzione di un Parco Naturale nella zona del Sirente-Velino.
  • 1976 - La Comunità Montana Sirentina fa propria l'idea del Parco e ne avvia la progettazione
  • 1978 - La Comunità Montana Sirentina presenta la proposta definitiva di istituzione del Parco Naturale Regionale del Sirente-Velino.
  • 1980 - Il CIPE (comitato Interministeriale per la Programmazione Economica) approva un programma straordinario di interventi, discendente dalla legge finanziaria dello Stato, destinando 5 miliardi per il "Parco di Sirente".
  • 1981/88 - Nonostante le continue sollecitazioni delle Associazioni Ambientaliste e di numerosi Enti locali, la proposta di legge sul Parco Sirente-Velino, allargato nel frattempo a 24 Comuni per oltre 70.000 ha, non riesce a giungere alla discussione del Consiglio Regionale.
  • 1987 - 21 luglio - Decreto n. 427 del Ministero dell'Ambiente "Istituzione della Riserva Naturale orientata""Monte Velino" per un'estensione di 3.550 ha circa.
  • 1989 - 13 luglio - La Regione Abruzzo, con PDF Legge Regionale 13 luglio 1989 n. 54, isituisce il Parco Naturale Regionale del Sirente Velino con una dotazione finanziaria di circa 8 miliardi.
  • 1989 - 15 settembre - Decreto del Ministero dell'Ambiente "Individuazione come zone di importanza naturalistica nazionale ed internazionale delle aree denominate Monte Sirente-Anatella-Valle Cordora, in Comune di Rocca di Mezzo per un'estensione di circa 2.200 ha
  • 1991 - Le associazioni Ambientaliste sollecitano costantemente la Regione per una rapida attuazione della Legge rimasta ancora sulla carta.
  • 1992 - Dopo 3 anni dalla istituzione del parco, il 2 luglio 1992 finalmente la Regione insedia il Consiglio di Amministrazione.
  • 1994 - 6 luglio - Legge Regionale 6.7.94 n.44 "Istituzione pianta organica del Parco Regionale del Sirente- Velino".
  • 1996 - 21 giugno - Legge Regionale 21.6.96 n. 38 "Legge quadro sulle Aree Protette della Regione Abruzzo per "L'Appennino Parco d'Europa".
  • 1996 - 18 dicembre- Viene insediato il nuovo Consiglio di Amministrazione in attuazione della L.R. 38/96
  • 1998 - Legge regionale n.426, con la quale il territorio del Parco viene ridotto di oltre 9.000 ettari
Sede del Parco
(foto di T. Buccimazza)