Logo del Parco
Condividi
Home » Visita il Parco » Alla scoperta del parco » Storia e cultura

Castello di Pescina

L'incastellamento nella Marsica risale al 926 con l'arrivo del provenzale Berardo il Francisco che ottenne l'investitura comitale del "paese dei Marsi", termine che allora designava l'Abruzzo nella quasi totalità: da lui avrà origine la stirpe dei Conti dei Marsi.

La prima citazione di un castello nel territorio di Pescina è relativo alla cd. "Rocca Vecchia" nell'acropoli di Plaestinia, costruito ai tempi dei Romani e fortificato all'epoca della guerra marsico-sociali; esso sovrastava la torre ancora oggi visibile ed era dotato di una cisterna e di un palatium. Quest'ultimo fu certamente la prima residenza di Berardo II, successore di Berardo il Francisco. La torre che ancora oggi ammiriamo era una delle "torri di passo", fuori dalle cinta muraria di Rocca Vecchia; essa sorgeva nei pressi di un antico mulino ed in posizione di controllo sulla "villa" e su un passaggio strategico della più importante via del commercio lungo il fiume Giovenco. Durante gli anni della lotta per le investiture i Marsi appoggiarono il Papa e perciò subirono la vendetta dell'Imperatore che distrusse e incendiò quasi tutti i castelli della zona, compresa Rocca Vecchia. Essa fu ampliata e ristrutturata solo nel 1232 per decreto di Federico II Imperatore del Sacro Romano Impero, che invitò i suoi sudditi a rimodernare i castelli importanti per la difesa dei confini del Regno di Sicilia. Fu così che i Pescinesi (e gli abitanti delle terre vicine di Venere, Aschi e Cocullo) ampliarono e ristrutturarono l'antica torre posta sulla "Rocca Vecchia". La torre, all'interno di base quadrata, divenne castello nel 1274 quando fu dotata di "scarpa" e "puntone" ed è questo che la fa apparire esternamente di forma poligonale. Intorno al 1330 il feudo di Pescina venne venduto dagli Angioini a privati di Prezzolo ed ai pescinesi vennero concessi gli "statuti" che trasformarono la "villa" in "castrum", dotato di porte e mura a chiudere l'abitato. Negli anni successivi il tenimento appartenne a Ugone il Balzo per passare poi sotto i Colonna e i Piccolomini.

Comune: Pescina (AQ)